Naadam e festa degli uomini renna

Viaggio con guida parlante italiano

Naadam e festa degli uomini renna – La Mongolia è un paese molto particolare, la cui controversa storia, ancora oggi, anima le sue genti fiere e genuine. I mongoli hanno sempre mantenuto intatte le tradizioni, sia nei tempi gloriosi, con il valoroso Gengis Khan al potere, sia quando la loro nazione si è trovata sottomessa al regime comunista. Il Naadam è proprio questo, la volontà di un popolo di rafforzare le proprie radici e far capire a tutti quanto sarà forte il legame tra il suo futuro ed il suo passato.

Ma non è l’unica festa del paese, questo viaggio vi porterà a scoprire la festa degli Tsaatan, ossia degli uomini renna, un gruppo etnico nomade di origine turca di antiche origini che vive nella provincia del Hovsgol. La sopravvivenza di questo piccolo popolo (esistono solo 180 persone circa appartenenti a questa popolazione), dipende completamente dall’allevamento delle renne, dal loro latte e dalla loro carne.

LO SCELGO PERCHE’:

  • Tour di gruppo con guida parlante italiano
  • La festa degli Uomini Renna
  • Naadam

Naadam e festa degli uomini renna con guida parlante italiano

Naadam e festa degli uomini renna

[tg_program title=”1° Giorno” place=”Italia – Ulaanbaatar”]Partenza alla volta di Ulaanbaatar, con scalo intermedio.[/tg_program]

[tg_program title=”2° Giorno” place=”Ulaanbaatar”]Arrivo in mattinata a Ulaanbaatar, ritiro dei bagagli, incontro con il nostro personale in loco e trasferimento in hotel. Visita della capitale mongola, con particolare attenzione all’antico centro buddhista dei mongoli di Gandan, dove attualmente si trovano l’università religiosa del buddhismo e la biblioteca. Dopo questa emozionante visita il tour Naadam e festa degli uomini renna proseguirà con il museo di storia mongola e la grande piazza Chingis Pernottamento in hotel Platinum o similare.[/tg_program]

[tg_header subtitle=”verso il Monastero di Amarbayasgalant”]

[tg_program title=”3° Giorno” place=”Ulaanbaatar – Amarbayasgalant”]Dopo la prima colazione partiamo per il Monastero di Amarbayasgalant, il monastero più bello e meglio preservato del paese, e proprio per questo posto sotto protezione UNESCO. Anche se della struttura originale rimane solo la metà, questo è da sempre considerato uno dei più importanti monasteri buddhisti della Mongolia. Ma i fattori che vi colpiranno maggiormente di questo luogo di preghiera sono l’eccezionale posizione di dominio che ha sull’intera vallata e l’assordante silenzio che lo circonda. Pernottamento in campo gher.[/tg_program]

[tg_program title=”4° Giorno” place=”Amarbayasgalant – Erdenet – Uran Togoo”]Lasciamo Amarbayasgalant per dirigerci nella riserva naturale di Uraan Togoo, attraversando dapprima Erdenet, la seconda città della Mongolia, per poi immergersi tra i primi boschi di conifere. La riserva naturale è molto bella e particolare, infatti all’interno del suo territorio si trovano i vulcani estinti di Uran Uul e Togoo. Per coloro che se la sentono sarà possibile salire sulla cima del vulcano Uran Uul. Pernottamento in campo gher.[/tg_program]

[tg_header subtitle=”alla scoperta di Moron”]

[tg_program title=”5° Giorno” place=”Uran Togoo – Moron”]Dalla natura incontaminata ci muoviamo verso ovest dirigendosi a Moron, capoluogo della provincia di Hovsgol e città più importante del nord del paese. Visita del centro della citadina e del grande mercato che assomiglia a un complicato labirinto. Pernottamento in hotel.[/tg_program]

[tg_program title=”6° Giorno” place=”Moron – Lago Khubsgul”]Dopo la prima colazione partiremo per il Lago Khubsgul, il più grande lago della Mongolia, dislocato in una specie di paradiso terrestre racchiuso tra alte montagne. La natura incontaminata trova il suo compimento nelle acque cristalline di questo lago, le quali ospitano numerose varietà di pesce e dissetano diverse specie di mammiferi e volatili. Ma l’area del Lago Khubsgul non è solo flora e fauna allo stato puro, qui infatti risiede una popolazione nomade lontana dal tempo, gli Tsataan, ossia gli uomini renna.Essi vivono in simbiosi con le renne, che vengono considerate sacre, in quanto rappresentano quasi l’unico sostentamento. Quest’oggi è il giorno della festa degli uomini renna i quali si ritrovano per fare scambi commerciali e per saldare i rapporti tra i pochi rappresentanti di questo antico popolo nomade. Pernottamento in campo gher.[/tg_program]

[tg_header subtitle=”dal Lago Khubsgul al lago Zuun Nuur”]

[tg_program title=”7° Giorno” place=”Lago Khubsgul – Lago Zuun nuur”]Proseguimento del tour Naadam e festa degli uomini renna, partendo dal Lago Khubsgul in direzione di un altro lago anch’esso inserito in un’area dal grande fascino naturalistico, il lago Zuun Nuur. Questo piccolo lago posto tra le varie tonalità di verde delle ampie steppe, ad una altitudine di 2300 metri offre paesaggi indimenticabili. Pernottamento in campo gher.[/tg_program]

[tg_program title=”8° Giorno” place=”Lago Zuun Nuur – Lago Terkiin Tsaagan – Khorgo”]Partiamo per il vulcano spento di Khorgo e per il Lago Terkhiin Tsagaan, circondato dalle montagne della catena Tarvagatain Nuruu. Arrivati al lago vi renderete conto che il paesaggio circostante è caratterizzato da crateri di vulcani estinti, tra i quali troviamo il vulcano Khorgo. Una particolarità di questo vulcano è la caratteristica geologica dell’area del vulcano, la quale è costituita da bolle di lava solidificata, chiamate comunemente dagli abitanti del luogo gher di basalto. Visita delle grotte Shar Nokhoin Am. Se il tempo ce lo consentirà sarà possibile salire in cima al cono del vulcano. Pernottamento in gher.[/tg_program]

[tg_header subtitle=”Taikhar Chuluu”]

[tg_program title=”9°Giorno” place=”Khorgo – Taikhar Chuluu”]Proseguimento del tour Naadam e festa degli uomini renna nelle steppe mongole giungendo a Taikhar Chuluu, la pietra delle leggende mongole. La più famosa di queste leggende è quella che narra di un eroe che avrebbe ucciso un enorme serpente per mezzo del masso. Durante questa giornata avremo la possibilità di incontrare una tipica famiglia nomade e, pernottando poco distanti da questa, potremo effettuare escursioni a cavallo o sullo yak. Pernottamento in gher.[/tg_program]

[tg_header subtitle=”Naadam”]

[tg_program title=”10° Giorno” place=”Taikhar Chuluu – Tsetserleg – Karakorum”]Partiamo per Tsetserleg, la città dalle case colorate. Visita Zaya Gegeen, un antico complesso di templi miracolosamente scampato alle distruzioni comuniste. Arrivo a Karakorum, la mitica capitale della Mongolia ai tempi di Gengis Khan e punto di riferimento per tanti viaggiatori. Adesso del suo glorioso passato resta ben poco, ma il suo nome è ben scandito nella memoria storica. Nel 1586 venne qui eretto il primo grande monastero buddhista, chiamato Erdene-Zuu. Circondato da un muro a pianta quadrata lungo complessivamente 1680, nel 1792 ospitava 62 templi e circa mille lama.

Durante il periodo comunista anche questo luogo fu quasi del tutto distrutto, ed adesso rimangono soltanto tre templi e uno stupa. A Karakorum assisteremo alle celebrazioni del Naadam, la festa nazionale più sentita dal popolo mongolo, la quale si celebra da più di tremila anni. La parola Naadam deriva da una parola più complessa, Eriin Gurvan Naadam, che significa“i tre giochi degli uomini”. Durante questa manifestazione, che si svolge in giorni diversi a seconda della regione della Mongolia nella quale vi trovate, si confrontano infatti lottatori, cavalieri e arcieri, Pernottamento in campo gher.[/tg_program]

[tg_header subtitle=”attraversando la valle dell’Orkhon”]

[tg_program title=”11°Giorno” place=”Karakorum – Lago Oghii”] Il tour Naadam e festa degli uomini renna continua nella valle dell’Orkhon, storica sede del potere imperiale delle steppe. La dimostrazione di quanto era ampio il potere degli imperatori, è rappresentata dalla stele in pietra di Kultegin, riportante iscrizioni runiche, che risale all’ottavo secolo. Giungiamo quindi al Lago Oghii, uno dei laghi più importanti della Mongolia e luogo unico per fare birdwatching o per svolgere altre attività nella natura. Pernottamento in gher.[/tg_program]

[tg_program title=”12°Giorno” place=”Lago Oghii – Khustain Nuruu”]Un parco della Mongolia conosciuto veramente in tutto il mondo è senza dubbio il Khustain Nuruu, o più semplicemente, Khustai. Qui vivono in un ambiente naturale intatto circa 200 cavalli Takhi, i quali hanno la particolarità di essere gli unici equini selvatici esistenti mondo e, quindi, progenitori di tutti i cavalli. Pernottamento in campo gher.[/tg_program]

[tg_program title=”13°Giorno” place=”Khustain Nuruu – Khui Doloon Hudag “]A Khui Doloon Khudag potremo assistere ad alcune delle prove del Naadam, in un ambiente ancora non molto conosciuto dal turismo mondiale e quindi anche il clima di festa che respireremo è sicuramente più genuino che in altri luoghi. Pernottamento in gher.
[/tg_program]

[tg_header subtitle=” il parco Terelj”]

[tg_program title=”14°Giorno” place=”Khui Doloon Hudag – Ulaanbaatar – Terelj”]Visita del parco Terelj, una delle destinazioni più popolari della Mongolia e terza area protetta più grande del paese, e l’enorme statua di Gengis Khan. Pernottamento in gher.[/tg_program]

[tg_program title=”15°Giorno” place=”Terelj – Ulaanbaatar”]Giornata dedicata alle ultime visite di Ulaanbaatar, tra le quali, il palazzo Bogd Khan e il museo di storia naturale, con la spettacolare sezione dedicata ai dinosauri. Tempo libero per lo shopping (tra le altre cose suggeriamo l’acquisto dei capi in cashmere). Cena con spettacolo folcloristico. Pernottamento all’hotel Platinum o similare.[/tg_program]

[tg_program title=”16°Giorno” place=”Ulaanbaatar – Italia”]Trasferimento in aeroporto e imbarco sul volo di rientro in Italia.[/tg_program]

Contattaci per maggiori informazioni o scopri altri nostri viaggi in Mongolia.