Kirghizistan viaggio

Kirghizistan viaggio in piccolo gruppo con guida parlante italiano alla scoperta della meravigliosa natura e delle tradizioni storiche di questa terra. Dai panorami mozzafiato del Parco Nazionale di Ala Archa al lago Issyk Kul. Attraversando affascinanti villaggi, la splendida valle di Karkara, al confine con il Kazakistan, la gola di Djety Oguz con soste alla Torre di Burana e visita delle incisioni rupestri di Cholpon Ata. Occasione unica di conoscere la cultura kirghisa, la vita delle popolazioni nomadi, la tradizionale caccia con l’aquila, allevamenti equestri e la lavorazione dei tappeti in feltro.

kirghizistan viaggio

Partenza alla scoperta del Parco Nazionale di Ala Archa, a 40 km dalla capitale. Il luogo è ideale per una passeggiata e rappresenta il paradiso di escursionisti e alpinisti. Il parco copre un territorio di 200 km2 e ospita ben 20 ghiacciai.
Proseguimento verso il sito archeologico patrimonio dell’UNESCO della Torre di Burana. Il minareto si trova nell’antica città di Balasagyn, a 12 km da Tokmok, e rappresentava uno snodo commerciale di centrale importanza sulla Via della Seta.

Arrivati a Chon Kemin si avrà la possibilità di intraprendere un’escursione a cavallo alle montagne più vicine o assistere a spettacoli di equitazione nei dintorni. Il viaggio continua lungo la sponda settentrionale del Lago Issyk Kul, un’occasione unica per ammirare i panorami mozzafiato del paesaggio kirghiso. Il Lago Issyk Kul, di origine tettonica, è il secondo lago alpino più grande al mondo dopo il Titicaca nel Sud America. Profondo 668 m, le sue acque in estate raggiungono i 20-25 °C.

Kirghizistan viaggio tra cultura e natura

Sosta a Cholpon Ata per la visita del sito di petroglifi all’aperto e del Museo Etnografico. Raggiungeremo quindi Karkara, una splendida valle al confine con il Kazakistan, poco conosciuta dal turismo di massa. Sistemazione in campo di yurte dotate di tutti i comfort. Tempo a disposizione per scoprire quest’area con passeggiate in autonomia o escursioni a cavallo. Partenza in direzione di Karakol con tappa intermedia per la visita di un allevamento di cavalli.

Attraverseremo la gola di Djety Oguz, che nella lingua locale significa “sette tori”, per la curiosa forma delle montagne. Qui, si avrà modo di vedere il famoso “Cuore Spezzato”. Il prezioso supporto della guida locale permetterà di capire le origini di tutti questi nomi del luogo. Arriveremo quindi nel villaggio di Bokonbaev per il pranzo presso una famiglia locale e assistere al tradizionale rito della caccia con l’aquila, una tradizione che si tramanda da secoli e affascina i suoi spettatori.

Presso Kochkor visiteremo una cooperativa locale di donne per la produzione di feltro e tappeti. Il più caratteristico è il “shyrdak”, il tradizionale tappeto usato dai nomadi. Tale tecnica di produzione è stata riconosciuta dall’UNESCO come Patrimonio mondiale. Si tratta di un processo complesso che riguarda la scelta dei colori, gli ornamenti e la tecnica di produzione.

 

Partenze di gruppo 2022:

dal 05 al 13 agosto oppure dal 12 al 20 agosto

yurta

Da scegliere perchè

  • Viaggio di gruppo
  • Guida parlante italiano
  • Incredibili paesaggi naturali
  • Tradizioni e cultura
  • Occasione unica di vivere a contatto con le famiglie locali