viaggio Tamil Nadu Kerala India

Tour dell’India: Tamil Nadu e Kerala

viaggio tamil nadu kerala india: un vero tuffo nella più sorprendente realtà del Sud India. Un’immersione totale tra i colori sgargianti dei templi Hindu. La confusione tumultuosa dei mercati locali; tra profumi esotici ed i pungenti aromi delle spezie. Poi, come abituale in India, un incredibile contrappasso con un itinerario che si snoda tra scorci di campi coltivati e paesaggi rurali, boschi di montagna (fra Tamil Nadu e Kerala attraversiamo i monti Gathi Occidentali), riserve naturali dove è possibile l’osservazione ravvicinata di animali selvatici, una tranquilla navigazione nelle Backwaters del Kerala, con un pernottamento nelle comode, romantiche cabine di una house boat, per arrivare alle coste dell’Oceano Indiano.

Partenza individuale tutti i giorni

con minimo 2 partecipanti

viaggio Tamil Nadu Kerala India tour

viaggio Tamil Nadu Kerala India

[tg_program title=”1° Giorno” place=”Chennai, India”]Arrivo a Chennai, incontro con il rappresentante locale e trasferimento in hotel. Compatibilmente con l’orario di arrivo si potrà tentare un primo approccio con la popolosa città. Una volta conosciuta col nome (coloniale) di Madras, con i suoi 8 milioni di abitanti in continuo aumento, rappresenta la quarta maggior città (o meglio agglomerato urbano) di tutta l’India. E’ senz’altro il principale centro industriale e commerciale del Sud: fu fondata dagli Inglesi a metà del 1600, come ideale scalo commerciale nel Golfo del Bengala. Pernottamento.[/tg_program]

[tg_header subtitle=”Templi e Forti”]

[tg_program title=”2° Giorno” place=”Chennai –  Mahabalipuram, India”]Al mattino si inizia la visita città con lo storico Forte che dette origine all’insediamento civile; oggi ospita il Parlamento statale del Tamil Nadu. Si visita quindi il tempio Kapaleshwar, risalente all’ottavo secolo in stile Pallavan, ancora oggi uno dei luoghi più sacri per la religione Indù. Si prosegue quindi per  Mahabalipuram conosciuta come la città delle Sette Pagode. E’ situata sul mare a meno di cento km da Madras. La sua principale attrattiva sta nei monumenti monolitici  e sculture in pietra che celebrano i fasti della dinastia Pallava che regnò sui territori oggi conosciuti come Tamil Nadu. All’arrivo sistemazione in hotel e pernottamento.[/tg_program]

[tg_header subtitle=”la città d’oro”]

[tg_program title=”3° Giorno” place=”Mahabalipuram, India”]Al mattino dopo un’ora circa di trasferimento del viaggio Tamil Nadu Kerala India si giunge a Khanchipuram la “Città d’Oro”, dalla lunga storia ultra millenaria. E’ una delle sette città più sacre per gli Indù, già famosa nel settimo secolo, quando fu visitata dal viaggiatore cinese Heun Tsang, che ne parlò in termini ammirati. Numerose le dinastie imperiali che la ebbero come capitale, sempre contesa tra buddisti, jainisti e induisti che ne rivendicavano il controllo in funzione della sua importanza politica e religiosa.

[tg_header subtitle=”il tempio di Kailkasnatha”]

Il tempio Kailkasnatha è dedicato a Shiva, fu eretto nel VII secolo sotto la dinastia Pallava: l’assenza delle tipiche sovrastrutture di architetture successive evidenzia i dettami  di un semplice e primario stile dravidico. Come curiosità si può notare che, evento assai inusuale, è consentito anche ai non Indù l’accesso alle zone più sacre del tempio. Ancora a Shiva è dedicato lo Sri Ekambarnath Temple, enorme, copre una superficie di quasi dieci ettari; caratterizzato da un gopuram alto 60 metri è circondato da una muraglia eretta nel 1500 sotto l’impero Vijayananagar. Il terzo tempio che si visita è il Kamakshi Amman, dedicato alla dea Parvati la cui immagine viene portata in processione durante particolari festività su un sontuoso carro ligneo finemente decorato, purtroppo solo parzialmente visibile in altri periodi.

Nota importante: tutti i templi cittadini sono chiusi tra le 13 e le 16. 

[tg_header subtitle=”rientro a Mahabalipuram”]

Nel pomeriggio rientro a Mahabalipuram per la visita dell’ Arjuna’s Penance, una grande parete rocciosa interamente scolpita con figure di animali e divinità che celebrano la grandiosità del fiume Gange. Il sito comprende una serie di templi dedicati alle molteplici divinità che affollano “l’aldilà” indù, ma ciò che desta più meraviglia è la Krishna’s Butter Ball, enorme roccia tonda appoggiata su di un crinale, che sembra molto precaria, ma evidentemente non così la pensano le numerose persone che tranquillamente vi si siedono sotto.

Si prosegue per il Tempio sulla Spiaggia, in posizione romantica in faccia al mare ed ai venti; pare che sia l’unico superstite dei sette tempi originari eretti alla fine dell’impero Pallava, VII secolo; gli altri sembra siano stati distrutti da erosione e altri fenomeni naturali. La visita termina con i Cinque Rathas, prototipi dell’architettura dravidica, con un maestoso gopuram e cortili cinti da colonne e muri affrescati che si aprono sui panorami del Tamil Nadu. Pernottamento in hotel.[/tg_program]

[tg_header subtitle=”Pondicherry e la città dell’aurora”]

[tg_program title=”4° Giorno” place=”Mahabalipuram – Pondicherry, India”]Trasferimento di circa tre ore del viaggio Tamil Nadu Kerala India a Pondicherry, città che pare abbia avuto origine al tempo del venerabile saggio Agasthya, personaggio storico venerato in tutta l’ India del Sud. Divenne in seguito il capoluogo dei possedimenti francesi, ed ancora oggi conserva una tipica aria coloniale che in certo qualche modo ci ricorda scorci di città transalpine del secolo XVIII. Solo negli anni 50 del secolo scorso la città tornò sotto il controllo del neonato governo indipendente indiano. Qui sorge l’Ashram, ossia la comunità spirituale, fondata da Sri Aurobindo, un santone yogi che fuse la cultura yoga con altre scienze moderne: è uno dei più famosi e ricchi di tutta l’India, frequentato da numerosi occidentali.

A pochi km di distanza si visita  Auroville, letteralmente “la città dell’Aurora”, fondata dallo yogi Aurobindo negli anni sessanta del secolo scorso, con l’intento di attirare in questa città universale, popolazione da tutto il mondo che potesse convivere in pace ed armonia, senza distinzione di caste, nazionalità o colore della pelle. Al centro della città sorge il tempio Matrimandir che celebra la madre Universale. Sistemazione e pernottamento in hotel.[/tg_program]

[tg_header subtitle=”il tempio di Nataraja”]

[tg_program title=”5° Giorno” place=”Pondicherry – Thanjavur, India”]Al mattino partenza del viaggio Tamil Nadu Kerala India per Tannjavur (Tanjore). Distanza circa 170 km, coperti in quattro ore di viaggio. Si farà dapprima sosta a Kumbakonam per visitare il tempio Nataraja, con un tetto ricoperto d’oro che protegge il sancta sanctorum della divinità qui celebrata, quella dell’Aria. La città è una delle più antiche del Tamil Nadu, già capitale dei Re Chola; qui ogni 12 anni si celebra una importante ricorrenza, il Mahamaham, che richiama numerosi fedeli. E’ inoltre celebre per l’artigianato dell’ottone e la lavorazione della seta.

[tg_header subtitle=”il tempio di Brahadeshwara”]

Nel pomeriggio si prosegue per Tanjore e si visita il tempio Brahadeshwara; costruito per volontà del Raja Chola riflette pienamente il contributo artistico che i Chola dettero nella zona. Inserito tra i siti tutelati dall’Unesco ha la caratteristica insolita di un “tetto” scolpito in un unico, imponente blocco di granito di circa 80 tonnellate. Per collocarlo si utilizzò la stessa tecnica con cui gli egiziani costruirono le loro piramidi: rampe laterali, poi rimosse, che consentirono il trasporto del pesante macigno: un terrapieno che si sviluppò per oltre 6 km. Al suo interno troviamo una scultura di grandi proporzioni della divinità Nandi, il toro sacro.

Il Thanjavur Maratha Palace fu edificato dai regnanti della casa Nayak, imperatori di  Thanjavur. Eccezionale, per la sua perfetta acustica, è la sala della musica. Anche dopo la caduta dell’impero e la sottomissione agli inglesi, il Palazzo ha mantenuto intatto il suo prestigio. Fino ai giorni nostri rimane la residenza degli ultimi discendenti della casa reale. Sistemazione in hotel e pernottamento.[/tg_program]

[tg_header subtitle=”Panorami incredibili”]

[tg_program title=”6° Giorno” place=”Thanjavur – Karaikudi, India”]Trasferimento del viaggio Tamil Nadu Kerala India a Trichy. Circa un’ora di viaggio con sosta per la visita della cittadella medievale di Chola e in tempi più recenti luogo di scontro tra colialisti francesi e inglesi.

Sulla cima del Rock Fort, dopo aver percorso oltre 400 scalini scavati nella roccia, troviamo il tempio di Tayumanaswamy dedicato a Shiva. La vista sul panorama circostante è magnifica. Sull’isola Srirangam al centro del fiume Cauvery sorge un tempio contornato da sette cortili: dedicato al dio Ranganathaswamy conta 21 gopuram, ricchi di stupende sculture. Proseguimento per Karaikudi, circa due ore di viaggio.  Sistemazione in hotel e pernottamento.[/tg_program]

[tg_header subtitle=”a bordo del calesse”]

[tg_program title=”7° Giorno” place=”Karaikudi- Madurai, India”]Al mattino si effettua la visita città e località circostanti, trasportati a bordo di un tipico calesse a trazione animale: i luoghi più singolari da vedere sono la lavorazione artigianale di tegole e piastrelle di Athangudi, la manifattura del cotone a Chettinad, negozi artigianali ed il colorito mercato locale.

Si prosegue quindi con il viaggio Tamil Nadu Kerala India per Madurai, distante meno di 100 km. Madurai è conosciuta come la Città dei festivals. Numerose sono infatti le manifestazioni culturali, retaggio di una storia bimillenaria: inizialmente fu la capitale del regno dei Pandya che la impreziosirono con edifici religiosi di fine fattura e l’insediamento urbano si è andato modificando di poco, ininterrottamente sino ai nostri giorni. All’arrivo sistemazione in hotel e pernottamento.[/tg_program]

[tg_header subtitle=”il Meenakshi temple: una città nella città”]

[tg_program title=”8° Giorno” place=”Madurai, India”]Al mattino si inizia la visita città: Il Meenakshi Temple è una vera  “città nella città”, racchiusa nel quartiere storico. All’esterno troviamo le “colonne sonore” pilastri che  emettono suoni differenti quando percossi lievemente. Il tempio è dedicato a Shiva, qui conosciuto come Sundareshvara, ed alla sua sposa Parvati o Meenakashi. Tra i 12 gopuram svettano alte torri poggiate su basi di granito, con figure in stucco di dei, animali mitici e mostri dipinti in colori sgargianti. Si visita quindi il palazzo di Thirumalai Nayak. Thirumalai Nayak il più famoso re della dinastia Nayaka che governò la regione nella prima metà del 1600: nella sua commistione tra architettura dravidica e rajput si può individuare la mano di architetti italiani chiamati a progettare il palazzo.

Passeggiandovi all’interno troviamo il teatro, il tempio, la sala delle armi, il palco dell’orchestra, la portantina reale… Rimangono ancora oggi visitabili gli appartamenti originali con le loro suppellettili. Si visita poi il Museo dedicato a Gandhi, con fotografie, pitture, sculture e manoscritti ed oggetti appartenuti al Mahatma. In serata assisteremo alla cerimonia religiosa all’interno del tempio Meenakshi. La processione che si tiene ogni sera, conosciuta come Aarti, è d’obbligo per ogni visitatore: Shiva, il consorte della Dea Durga, è portato in processione. Il corteo si snoda intorno al tempio con soste per varie cerimonie rituali. viaggio Tamil Nadu Kerala India: pernottamento.[/tg_program]

[tg_header subtitle=”santuari…naturalistici”]

[tg_program title=”9° Giorno” place=”Madurai – Periyar, India”]Al mattino trasferimento del viaggio Tamil Nadu Kerala India a Periyar, quattro ore circa di viaggio. Qui nel 1934 è stato creato  il primo santuario naturalistico del Sud India: si estende  per 777 kmq, in un’area mista di foresta decidua e pianure erbose. Al centro un lago che ospita numerose colonie di specie di uccelli acquatici; è anche luogo privilegiato per la sopravvivenza dell’elefante: ne potremo osservare alcuni esemplari che si bagnano nel lago quando lo attraversiamo in una escursione in barca; con un po’ di fortuna, nell’escursione potremo incontrare, cinghiali, cervi, scimmie. Più difficile l’avvistamento del leopardo. L’escursione termina con la visita ad un giardino delle spezie. Sistemazione in hotel e pernottamento.[/tg_program]

[tg_header subtitle=”le Backwaters”]

[tg_program title=”10° Giorno” place=”Periyar – Kumarakom, India”]Al mattino trasferimento con il nostro viaggio Tamil Nadu Kerala India a Kumarakom, circa 4 ore di viaggio, dove ci si imbarca su una tipica Kettuvallom, letteralmente  imbarcazione dal fasciame legato. Ma nessun timore, è da secoli il mezzo più sicuro e affidabile per navigare sulle acque delle Backwaters. Un tempo venivano usate per il trasporto merci, riso soprattutto, oggi sono state trasformate in confortevoli case galleggianti. Ideali per una piacevole escursione nella regione tropicale delle Backwaters. Una lenta navigazione attraverso le risaie, i palmeti con un mezzo di lieve impatto ambientale, capace di inserirci nel pieno della vita rurale della regione.

Navighiamo per stretti canali tra campi verdeggianti, ai bordi del Vembanad.  Vedremo chiese, templi, immagini del Budda alternate da pittoresche scene di vita rurale ed il lavoro dei pescatori con le loro ampie reti. I pasti sono serviti a bordo, preparati dallo stesso personale che si occupa della navigazione, manutenzione e pulizia dell’ imbarcazione. Pernottamento a bordo.[/tg_program]

[tg_header subtitle=”la città di Cochin”]

[tg_program title=”11° Giorno” place=”Kumarakom – Kochi, India”]Una volta lasciata l’imbarcazione che ci ha ospitato trasferimento in auto del viaggio Tamil Nadu Kerala India a Cochin, che dista poco più di 50 km. Si inizia la visita città recandoci alla Chiesa di San Francesco, la prima costruita dagli europei in India.

Per molti anni, fino a che i Portoghesi non le riportarono in patria, qui erano le spoglie del navigatore Vasco de Gama, che a Kochi morì per un morbo tropicale, nel corso del suo terzo viaggio in Kerala. Il suo antico cenotafio è ancora chiaramente individuabile all’interno della chiesa. Intorno al Forte si sviluppò n quartiere dalla strette vie dove si affacciano palazzi di stile portoghesi. Città eclettica e soprattutto multietnica, Cochin; non ci stupiremo quindi di trovare una sinagoga ebraica, ricca di antiche pergamene dell’Antico Testamento, le cui tegole provengono dalla Cina ed i candelabri dal Belgio.

[tg_header subtitle=”il palazzo di Mattancherry”]

Poco distante si trova il palazzo Mattancherry, edificato dai Portoghesi e donato al Raja di Cochin. Qui sono avvenute le incoronazioni dei vari Regnanti locali.  Gli olandesi in seguito lo restaurarono, e vi troviamo le pitture murali forse più belle di tutta l’India. Nota importante: La sinagoga non è visitabile il venerdì ed il sabato, il Palazzo  è chiuso alle visite il venerdì.

[tg_header subtitle=”la storia di Cochin”]

Fort Cochin è uno dei principali porti del paese, e importante base navale. Lungo le rive dell’oceano, dalla città sino a Vypeen, il panorama è caratterizzato dalla presenza di enormi reti da pesca a bilanciere. Questa tecnica importata nel 1300 dai primi esploratori e commercianti cinesi, qui inviati da Kublai Khan, è peculiare. E’ singolare che questa tecnica di pesca, in tutto l’oriente, sia praticata solo qui, oltre ovviamente alla Cina. In serata si assiste ad uno spettacolo di danza katakali. E’ la danza tipica della regione, un dramma classico molto stilizzato, caratterizzato per il trucco singolare degli attori. I loro costumi variopinti ed elaborati, gesti stilizzati e movimenti armonici del corpo che seguono la musica cadenzata al suono di percussioni. Le sue origini risalgono al XVII secolo e nel tempo si è raffinata nei gesti e nella musica. Pernottamento in hotel.[/tg_program]

[tg_program title=”12° Giorno” place=”Kochi, India”]Trasferimento in aeroporto e termine del viaggio Tamil Nadu Kerala India.[/tg_program]

Contattaci per maggiori informazioni o scopri altri nostri viaggi in India e Buthan.